Un Mito intramontabile la Lancia Delta Integrale,potenza allo stato puro ~ lιĸeвooĸ.ιт



Un Mito intramontabile la Lancia Delta Integrale,potenza allo stato puro



Un mito che non tramonterà mai quello della fantastica Lancia Delta Integrale,una macchina dalla potenza straordinaria e anche come esteticanon era niente male,sportiva e con interni abbastanza comodi anche se per molti erano ritenuti troppo rigidi,la Delta nasce nel 1979. Il design è di Giorgetto Giugiaro,la meccanica è a trazione anteriore con motore trasversale, sospensioni a quattro ruote indipendenti,impianto frenante a due circuiti incrociati con dischi e servocomando, sterzo a cremagliera,inizialmente le cilindrate sono due: 1498 cc e 1301 cc, con quattro cilindri in linea, distribuzione ad albero a camme in testa, cilindri in lega leggera.

Le potenze sono rispettivamente 85 e 75 CV DIN. Nel 1980, grazie al successo avuto tra il pubblico,le viene assegnato il premio "Auto dell'Anno" Nel 1982 viene presentata la 1600 GT e nel 1983 la HF Turbo. Nel 1986 la gamma sarà arricchita anche dalla Turbodiesel. Nel 1982 viene presentato al Salone di Torino un prototipo 4x4. La meccanica è quella del modello base; il motore è di 1600 cc con turbocompressore; eroga 130 CV DIN. Sul gruppo cambio-differenziale viene montato un differenziale ripartitore con presa di moto longitudinale per la trasmissione alle ruote posteriori. Sul ponte posteriore è alloggiato un differenziale autobloccante.Nel 1985 nasce la Delta S4. E' poco più di un prototipo costruito in 200 esemplari per l'omologazione Gruppo B nei Rallies.S = "Sovralimentata"; 4 ="quattro ruote motrici". Per la prima volta al mondo si ha un doppio sistema di sovralimentazione: compressore volumetrico (Volumex) e turbocompressore (KKK). Il motore di 1759 cc eroga oltre 250 CV a 6750 giri/min. la velocità massima è di 225 Km/h e da 0 a 100 Km/h impiega 6 secondi.

Il telaio è a traliccio di tubi d'acciaio al cromo-molibdeno.

Nel maggio 1986 viene lanciata la Delta HF 4WD, concepita per l'utilizzo dell'utente comune.La trazione è integrale permanente; differenziale anteriore libero, differenziale centrale di tipo epicicloidale che ripartisce la coppia per il 56 % sull'asse anteriore e il rimanente 44% sull'asse posteriore, un giunto viscoso Ferguson di bloccaggio applicato al differenziale centrale ripartitore di coppia e un differenziale posteriore Torsen. Il differenziale centrale garantisce una ripartizione di coppia tra i due assi in relazione all'effettivo grado di aderenza degli stessi. Il Torsen non è autobloccante ma garantisce, rispetto a un differenziale normale, il massimo della trazione compatibile con l'aderenza delle ruote. Il motore è di derivazione Thema: 1995 cc con turbocompressore Garrett; eroga 165 CV a 5500 giri/min e una coppia di 29 Kgm con overboost inserito. Un sistema integrato con l'accensione a controllo elettronico con sensore di detonazione, impedisce l'entrata in funzione dell'overboost a motore troppo freddo o surriscaldato. L'overboost agisce sulla valvola waste-gate aumentando temporaneamente la pressione di sovralimentazione.

Un intercooler riduce la temperatura dell'aria compressa da 120 a 70/50 gradi. Le valvole sono al sodio, le guide valvole in bronzo, i cuscinetti di biella di tipo trimetallico ed è presente un radiatore per il raffreddamento dell'olio motore. L'impianto frenante ha dischi sulle quattro ruote; quelli anteriori sono autoventilanti.Nell'ottobre 1987 viene presentata la Delta HF Integrale. L'evoluzione della Delta è strettamente legato al suo impiego nel Campionato Mondiale Rally. Il quattro cilindri due litri viene dotato di un nuovo turbocompressore Garrett T3 che permette una maggiore portata d'aria, la quale garantisce migliore rendimento e coppia più elevata. L'intercooler viene maggiorato. La valvola dell'overboost porta ora la pressione di sovralimentazione a 1 bar. Vengono rimappate le centraline elettroniche. Vengono adeguati anche valvole, guarnizioni e pompa dell'acqua. I radiatori dell'acqua e dell'olio vengono maggiorati. La potenza sale a 185 CV a 5300 giri/min e la coppia è di 31 Kgm a 3500 giri/min. I dischi dei freni vengono maggiorati, le pinze aggiornate con altre che garantisco maggior coefficiente d'attrito. La frizione è uguale a quella della Thema 8.32. L'assetto viene migliorato alle maggiori prestazioni sportive. Esteriormente i paraurti hanno un nuovo disegno; i parafanghi sono più sporgenti e larghi. L'accentuata bombatura sopra le ruote consente l'alloggiamento di pneumatici di larga sezione,mi sembra il minimo fare un tributo a questa super macchina,se lo merita tutto,e fortunato che ha avuto il piacere di guidarla perché era veramente una potenza.






Categorie: Motori, Anni 70/80 Ottanta

Tag: Lancia Delta Integrale,motori,mito,autosalone,turbina,turbo compressore,rally,