Smartphone e cellulare con batteria scarica,ecco come ricaricarlo senza il caricabatterie

    Quando si sta per scaricare la batteria del nostro smartphone,di questi tempi si entra in crisi,perché ormai tutti noi non possiamo fare a meno di avere sempre a portata di mano il nostro cellulare,e allora bisogna prevenire questi imprevisti e correre subito ai giusti ripari,quindi iniziamo a dire che,disponendo di un cavo OTG e del cavo USB del proprio cellulare è possibile collegare tra loro due smartphone per condividere la carica della batteria,più nello specifico una volta collegati i due telefonini, quello con la percentuale di carica più bassa verrà ricaricato dall'altro cellulare fino a quando entrambi raggiungeranno lo stesso livello di carica della batteria,conosciuti anche come "Power Bank" o "Banchetti di ricarica" sono delle batterie portatili che vanno preventivamente caricate portate appresso in maniera tale da collegarle al cellulare quando quest'ultimo ha la batteria scarica o quasi, così da ricaricarla,soluzione ottima se si prevede una gita in natura dove non è possibile fare affidamento all'elettricità,se si decide di acquistare un banchetto di ricarica prendere in considerazione la sua capacità, preferendo banchetti con milliamperaggio non inferiore ai 5600 mah in modo tale che possa fornire energia sufficiente per almeno due o più ricariche (la spesa è minima anche meno di 10-15 euro).

    Altro caricabatterie (ma di tipo ecologico) che torna utile in gite dentro la natura. La differenza sostanziale è che a produrre l'energia per ricaricare lo smartphone sarà la mano dell'uomo tramite rotazione continuata (per almeno 1-2 minuti) della manovella. Più tempo si gira la manovella più energia verrà prodotta.A seconda del modello, un minuto di rotazione della manovella dovrebbe fornire energia sufficiente per effettuare una chiamata di 30 secondi o per inviare 2 o 3 messaggi di testo.Per gli amanti dei collegamenti wireless, ovvero senza fili, potrebbe allora tornare utile il caricabatterie WiFi sul quale (nella base di ricarica) va posato il cellulare appunto per ricaricane la batteria.Ovviamente lo smartphone deve supportare tale modalità di ricarica, diversamente non funzionerebbe (per alcuni modelli di cellulari che non supportano la ricarica wireless è comunque possibile acquistare a parte la carta "Receiver" che consente di sfruttare questa funzionalità) purtroppo al giorno d'oggi restare senza il nostro amato cellulare o smartphone è veramente un dramma.

     

     

  • Scritto da

  • LikeBook
  • il 13 May 2016




Categorie: Tutorial Fai Da Te, Eletronica

Tag: Power Bank,caricabatterie,batteria smartphone,cellulare scarico,cavo OTG,collegamenti wireless, caricabatterie WiFi,