Ecco cosa succede a chi viene sorpreso a non fare la Raccolta Differenziata..Multe da Capogiro

    Adesso ce' la Raccolta Differenziata,anche se un po noiosa,ma bisogna farla,purtroppo ceè qualcuno che proprio non ne vuole sapere e lascia i rifiuti in qualsiasi posto,anche per strada,ma da oggi le cose cambiano e di molto,sta di fatto che dopo l’ultima denuncia di sacchi abbandonati in strada, l’amministrazione comunale ha deciso di far partire i controlli e le conseguenti sanzioni,a seguito dell’ennesimo episodio, una squadra composta da agenti di polizia locale e addetti Silea ha fatto verifiche in via Palestro e in viale Turati, dando così il via a un tour di controlli che, come ha annunciato l’assessore all’ambiente Ezio Venturini, si estenderà anche al resto della città.L’arrivo delle prime multe, accolto dal plauso di tanti cittadini stufi di convivere con il mancato rispetto delle regole, potrebbe però non essere così scontato.

    Sono tanti gli episodi, registrati in tutta Italia, di cittadini che hanno contestato le multe riuscendo a far valere le proprie ragioni. Sotto accusa è l’identificazione del proprietario mediante l’apertura del sacco, pratica che potrebbe non essere rispettosa della tutela della privacy e potrebbe portare ad un’attribuzione non corretta.

    Se il trasgressore non viene colto in flagranza di reato, difficile quindi stabilire se la strada giusta da seguire sia quella dell’apertura del sacco. «Noi continueremo comunque con i controlli e le multe» sottolinea l’assessore Ezio Venturini, spiegando inoltre che entro la fine dell’anno anche a Lecco dovrebbero essere introdotti i sacchi con codice a barre e il nuovo regolamento.Altro elemento che è emerso durante questi primi raid è la scarsa attenzione dei lecchesi nel fare correttamente la differenziata. «All’interno dei sacchi viola abbiamo trovato di tutto» rimarca Venturini, sottolineando che i controlli si intensificheranno anche su questo fronte.

    Forse però toccherebbe proprio all’amministrazione comunale dare il buon esempio, cosa che non pare interessata a fare. Il recente cambio di buona parte cestini pubblici - per una spesa totale di oltre 40 mila euro – poteva essere una buona occasione per far spuntare in città, magari cominciando dal centro o dal lungo lago, qualche cestino per la raccolta differenziata, soluzione che altre città, realmente attenete a questi temi, hanno adottato da tempo. Un’occasione persa a quanto pare per ragioni di “budget ridotto”, come ha subito puntualizzato l’assessore all’ambiente Ezio Venturini,quindi cari amici fatela anche voi se ancora non la state facendo,perché prendere una multa salata di questi tempi sarebbe una cosa molto triste.

  • Scritto da

  • LikeBook
  • il 14 Jun 2016




Categorie: Notizie

Tag: Raccolta Differenziata,rifiuti,immondizia,comune,multe salate,trasgressori,denuncia,