Uno Turbo i.e. la potenza allo stato puro,un'auto inimitabile

    Non ci sono parole per descrivere la potenza e la bellezza di questa macchina che nel suo campo ha scritto la storia come una delle macchine più potenti in circolazione,con uno spunto e accellerazione da brivido,ma a parte la velocità e le prestazioni esaltanti, la Uno Turbo era davvero un piccolo gioiello di ingegneria dell’auto,il tipo di motore si chiamava Multipoint, della Magneti Marelli, composto da due centraline: una per l’accensione e una per l’iniezione, un turbocompressore IHI raffreddato ad acqua con pressione massima di sovralimentazione 0,7 bar, nonché dotato di Intercooler aria/aria per abbassare la temperatura dell'aria in ingresso nei cilindri,furono molti i giovani (e non giovani) che hanno posseduto quest’ auto; per alcuni (quasi tutti) non era solo un' Auto ma era uno stile di vita, sentirsi parte di un gruppo o addirittura si arrivava a provare veri sentimenti verso questo mezzo.. un po’ come succede a tutti i nostri amici che possiedono un’ auto d’epoca. La prima volta che la mia strada incrociò quella della Uno era il 1988.

    Il primissimo ricordo che ho di quell’ incontro è quello della mia schiena letteralmente incollata al sedile quando mio cugino, che l’aveva acquistata dopo aver dato via la sua a112 abarth 70hp, ci portò a fare un giro sulla sua nuova auto, la Uno turbo i.e. appunto. Per un bambino come ero io allora, quella velocità così “rombante” era paragonabile ad una Ferrari e ricordo ancora che dissi a mio padre, appena terminato il giro assieme a mio fratello maggiore, che quella sarebbe stata la mia prima macchina… Gli anni passavano e insieme le Uno turbo che mio cugino continuava a cambiare, passando attraverso cambi di auto vari e furti purtroppo molto frequenti.

    . fino ad arrivare nel 1992 quando acquistò il modello, secondo me, più bello di sempre della Uno: la MK2! Il modello era chiamato “Racing”, con tetto apribile, lavafari, assetto, overboost e tanti altri accessori che la rendevano, agli occhi di un bambino come ero io, molto più simile ad un missile terra-aria piuttosto che ad una semplice "uno"; ed io, ero sempre più convinto che quella sarebbe diventata la MIA macchina appena avrei potuto guidarla,ormai dentro di me si concretizzava sempre d più l’ idea che una volta patentato l' avrei comprata.

    Finalmente, nel 2000, dopo aver passato gli ultimi 4 anni a lavorare tutte le estati (dopo la scuola) in una carrozzeria a, riuscì a comprarmi la mia prima Uno Turbo, complice anche la legge che eliminava il limite dei cavalli ai neopatentati. Potete immaginare come fossi esaltato, la mia Uno era rossa metallizzata, con 80.000 km, un sogno che finalmente si avverava, ma che ben presto, complice l’inesperienza, l’inverno e il manto gelato stradale, si trasformarono in un incubo, e una notte Dicembre del 2000 cappottai in un fosso con la mia Uno alle 2 di notte mentre tornavo a casa…I miei genitori fecero di tutto per farmi desistere da quello che ormai, per me, era diventata una sfida: comprare una nuova Uno turbo, e dar a lei e a me la giusta storia d’amore che tanto ho desiderato fin da piccolo. Con pazienza e con un’amica (che oggi è mia moglie) nel marzo del 2001 finalmente, vicino a casa, la trovai! Era sporca, con il motore fuso, quasi completamente smontata, sopravvissuta a stento ad un saccheggio che non gli aveva lasciato nemmeno gli interni e le ruote. Ovviamente me ne innamorai, e giurai a me stesso che la “piccola” sarebbe tornata agli antichi splendori! Ovviamente i miei non erano d’accordo, ma, inaspettatamente, trovai la complicità di mio padre, e riuscì ad acquistarla. Sono passati 15 anni da allora, e, che ci crediate o no, non ho mai smesso di lavorarci su per tutti questi anni,questa macchina è e sarà sempre la più potente e si merita il giusto tributo,anche perché in giro non se ne vedono più poi così tante.

  • Scritto da

  • LikeBook
  • il 20 Jun 2016




Categorie: Motori

Tag: Fiat Uno, Uno Turbo i.e.,turbina,tubo compressore,iniezione elettronica,macchine veloci,autosalone,