Va a comprare il pane,e ci trova un grosso scarafaggio mentre stava per mangiare

    la presenza di uno scarafaggio impastato nel pane da condire a piacimento, va ben oltre ogni possibile tolleranza, ed è per questo motivo che il visitatore capitolino ha deciso di interessare della faccenda direttamente i carabinieri.I militari, dipendenti dalla compagnia di Gallipoli, hanno dunque sentito il parere del pubblico ministero di turno, che ha disposto il sequestro della “puccia”, dando il via alla ricostruzione dei vari passaggi, fino a quando non verranno a galla le eventuali responsabilità.Il turista, dunque – stando a quanto esposto nella denuncia – ha acquistato la “puccia” presso un supermercato della zona. Si tratta, però, di un prodotto già confezionato e sigillato all’origine, ragion per cui il titolare del market non ha subito particolari conseguenze.

    I militari hanno invece accertando eventuali responsabilità, andando a ritroso nella filiera, fino a svolgere verifiche sul produttore.I militari, con il personale del Sian (Servizio igiene gli alimenti e della nutrizione) di Gallipoli e dell’Asl di Lecce, hanno dunque svolto nel pomeriggio un’ispezione nel locale, un panificio-biscottificio salentino, ritenuto il luogo dove sarebbe stata confezionata la puccia al “condimento speciale”.Il personale ha accertato l’esistenza di svariate carenze igienico-sanitarie, che sono costate diverse sanzioni. Mille euro poiché non sono stati rispettati i requisiti generali in materia d’igiene, 2mila per il mancato rispetto delle procedure previste dal manuale di autocontrollo (Haccp). Il dirigente sanitario dovrà valutare l’eventuale chiusura del locale. La puccia contenente lo scarafaggio sarà inviata presso la sede di Brindisi dell’Arpa di Puglia, per le analisi del caso.

  • Scritto da

  • LikeBook
  • il 01 Dec 2016




Categorie: Notizie

Tag: pane,comprare,scarafaggio,tolleranza,pubblico ministero,puccia,igiene alimentare,